Il Consiglio direttivo

giaco agosto.jpg

Giacomella Orofino - Presidente

Professore Ordinario di Lingua e letteratura tibetana e di Civiltà e religioni indotibetane presso l’Università di Napoli “L’Orientale”. Ha dedicato importanti studi filologici e storico-religiosi al buddhismo esoterico di tradizione indo-tibetana. E’ Presidente del Centro di Studi sul Buddhismo dell’Università Orientale e socia fondatrice dell’Organizzazione non Governativa ASIA (Associazione di Solidarietà Internazionale in Asia) che attua progetti di cooperazione e  sviluppo in India, Tibet, Nepal, Mongolia e Sri-Lanka.

giaco.orofino@gmail.com

Andrea_Drocco_Foto_da_siti.jpg

Andrea Drocco - Segretario

A partire dagli anni del mio Dottorato di Ricerca in Studi Indologici e Tibetologici (Università di Torino), il mio principale campo d’indagine è la linguistica indo-aria, con particolare riferimento al mutamento diacronico di alcune peculiarità sintattiche e morfosintattiche della hindī sviluppatesi a partire dal XVI secolo. Al contempo ho anche dedicato attenzione ad alcuni aspetti del lessico indiano nella sua evoluzione storica e alla tradizione grammaticale pracrita. Attualmente mi sto occupando della la storia della lingua hindī attraverso i testi che più rappresentano l’evoluzione diacronica di tale lingua: particolare enfasi è data all’analisi del processo di standardizzazione della hindī avvenuto nel corso del XIX e XX secolo.

andrea.drocco@unive.it

received_1117193138466269.jpeg

Carmen Simioli - Tesoriere

Ho conseguito il Dottorato di Ricerca in Studi Indologici e Tibetologici nel 2014 presso L’Orientale, Università degli Studi di Napoli. Attualmente sono docente di lingua tibetana classica presso l’università Ca’ Foscari di Venezia. La mia attività di ricerca s’incentra sullo studio della storia della medicina e dell’alchimia tibetana, con particolare interesse per i testi della letteratura canonica e apocrifa Nyingma. Mi sto occupando, inoltre, di alcune importanti raccolte mediche e grimori tibetani di epoca medievale allo scopo di riscostruire la storia intertestuale delle pratiche apotropaiche, farmacologiche e diagnostiche che essi descrivono. Da alcuni anni mi dedico all’attività di traduttrice e interprete, lavorando al fianco di medici e lama tibetani di diverse tradizioni.

carmensimioli2@gmail.com

chiara bellini.jpeg

Chiara Bellini

Ronal Stride Lecturer presso la Northumbria University di Newcastle(UK), Chiara Bellini si occupa di arte tibetana e himalayana, di collezioni di arte buddhista presenti in musei e gallerie sia in Asia che in Europa, e di storia culturale. Dopo il dottorato in studi Indologici e Tibetologici conseguito presso l’Università di Torino, è stata assegnista di ricerca all’Università di Bologna per alcuni anni. Dal 2017 al 2020 è stata ricercatrice presso la SOAS di Londra, nell’ambito di un progetto AHRC legato alla documentazione e allo studio delle collezioni di arte tibetana e himalayana presso i principali monasteri del Ladakh (India) e del Mustang (Nepal). È membro fondatrice dell’International Research Centre for the History and Culture of Nanzhao and Dali Kingdoms (Yunnan), membro del Visual and Material Culture research group e dell’ICOM UK.

chiara.bellini@northumbria.ac.uk

gasparini-foto.jpg

Mariachiara Gasparini

Mariachiara Gasparini ha studiato Lingue e Civiltà Orientali presso l’Orientale, Università di Napoli. Nel 2011 consegue il Master in Arte dell’Estremo Oriente al Sotheby’s Institute of Art a Londra, e nel 2015 il dottorato di ricerca in Studi Transculturali: Storia dell’Arte Globale alla Ruprecht Karl University di Heidelberg. Dal 2015 al 2020 insegna Arte Asiatica in California. Attualmente è Assistant Professor di Arte e Architettura Cinese presso la University of Oregon. Gasparini si occupa di cultura materiale centrasiatica e degli sviluppi artistici e culturali sino-iranici e turcico-mongoli nelle zone occidentali cinesi.

chiaragasparinistudio@gmail.com

Photo Elisabetta Ragagnin.jpg

Elisabetta Ragagnin

Elisabetta Ragagnin è professoressa associata di mongolistica e turcologia all’università Ca’ Foscari di Venezia (da Febbraio 2020), dopo aver lavorato vent’anni presso diverse università tedesche (Francoforte, Göttingen e Berlino) e a Cambridge (UK). Il suo profilo scientifico disciplinare comprende linguistica e filologia mongola e turcica, antropologia, etnografia, letteratura orale dei popoli turchi e mongoli, nonché gli aspetti mongolistici della tradizione del Marco Polo. Le sue ricerche linguistiche sono basate principalmente sulla ricerca sul campo in Mongolia, Siberia, Asia Centrale e Medio Oriente.

ragagnin@unive.it